Mirandola, Ganzerli ‘Azioni concrete in aiuto delle piccole imprese’

Mirandola, Ganzerli ‘Azioni concrete in aiuto delle piccole imprese’
0 commenti, 30/04/2020, da , in Dai Circoli

Il Gruppo Pd di Mirandola ha promosso, nei giorni scorsi, incontri con le rappresentanze delle piccole e medie imprese e degli esercenti con l’obiettivo di mettere a punto una serie di proposte di azioni concrete che l’Amministrazione locale può mettere in campo per aiutare e sostenere la fase della ripresa produttiva dopo il lockdown. Il capogruppo Pd in Consiglio comunale a Mirandola Roberto Ganzerli illustra queste proposte:

“La pandemia sta mettendo a dura prova il mondo del lavoro e degli esercenti in particolare. Nel rispetto delle norme sulla sicurezza serve comunque una attenzione anche a livello locale per scongiurare la chiusura di attività che hanno un incommensurabile valore economico e sociale soprattutto se si parla di piccole e medie imprese. In questo storico momento in cui l’economia si trova ad affrontare diverse problematiche in relazione alla perdita o sospensione del proprio rapporto di lavoro abbiamo fatto una serie di incontri con i principali interlocutori del settore: associazioni di categoria, sindacati ed esercenti e da qui vorremmo fare alcune proposte concrete per la ripresa economica. Ci sono azioni che possono essere messe in campo a livello locale senza attendere decisioni nazionali o regionali. Occorre valutare uno sconto forfettario da applicare a tutti gli ambulanti e direttamente proporzionale a quanto pagano di solito con i giorni di mercato persi. Bisognerebbe mettere in campo percorsi facilitati per l’occupazione di suolo pubblico in modo da rendere più sicuri gli spazi di vendita utilizzando parcheggi e aree pedonali nei pressi dei negozi. Sarebbe efficace l’adozione di una misura straordinaria di incentivazione fiscale sui proprietari di immobili ad uso commerciale o attività produttive per incentivare la locazione e la cessione con finalità d’impresa, per smuovere il mercato immobiliare (bonus negozi e capannoni sfitti). Ancora si deve pensare alla rimozione temporanea della TARI per gli esercenti, al ripristino del mercato contadino del mercoledì in piazza Costituente e del mercato del sabato, quando sarà possibile, sull’intero centro storico o, se le distanze di sicurezza lo imporranno, su due sedi distinte (centro storico e zona AIMAG). Necessario, poi, adottare una strategia di promozione del commercio in centro storico e nelle frazioni attraverso un piano di marketing che tenga conto dei nuovi dispositivi di sicurezza. Senza dimenticare azioni che favoriscano la vendita porta a porta di alimenti e medicinali soprattutto indirizzata alle persone sole, anziane, disabili. Solo se saremo capaci di muoverci con lungimiranza, la ripresa avrà gambe salde per camminare, se non addirittura, lo auspichiamo, correre”.

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *