Comparto funerario, Pini “Regole a tutela di famiglie e imprese”

Comparto funerario, Pini “Regole a tutela di famiglie e imprese”

Torna a partire da Modena il tentativo di regolamentare l’attività del comparto funerario nazionale: la deputata modenese Pd Giuditta Pini ha, infatti, presentato un disegno di legge in materia, ora al vaglio di un Comitato ristretto della Commissione Affari sociali della Camera, insieme ad altri due disegni di legge similari, con l’obiettivo di giungere a un testo unificato da proporre all’esame dell’Aula. Ecco il commento di Giuditta Pini:

“L’intero comparto delle attività funerarie deve trovare una regolamentazione omogenea su tutto il territorio nazionale. Si tratta di tutelare le famiglie in un momento di particolare difficoltà e le imprese che lavorano con modalità trasparenti e corrette. E’ per questa ragione che ho presentato alla Camera uno specifico disegno di legge, prendendo spunto da quanto già fatto in Senato dal collega Stefano Vaccari nella scorsa legislatura. Non è una novità che, nel settore, accanto a tanti operatori coscienziosi ci siano anche fenomeni di elusione fiscale, se non addirittura ambiti gestiti dalla criminalità organizzata. Non si può lasciare sole le famiglie a combattere le irregolarità, soprattutto nel momento in cui danno l’addio a un loro caro. E’ quindi necessario aggiornare la normativa e prevedere, ad esempio, che la detrazione del 19% sui servizi funebri non sia applicabile solo a una cifra minima, come avviene ora (1.550 euro), ma possa essere applicata su una cifra superiore (noi proponiamo 7.500 euro) molto più veritiera dell’effettivo costo dei servizi legati all’intero funerale. In questo modo si aiutano le famiglie, soprattutto quelle in maggiori difficoltà economiche, ma anche quelle imprese che lavorano nel rispetto delle leggi vigenti”.

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *