Dissesto, Patriarca “Il Governo mantenga impegni presi con Regione”

Dissesto, Patriarca “Il Governo mantenga impegni presi con Regione”

Il senatore modenese Edoardo Patriarca, capogruppo Pd in Commissione Lavoro, ha portato all’attenzione del ministro Costa l’esiguità dello stanziamento che la Regione Emilia-Romagna ha ricevuto per la realizzazione del Piano contro il dissesto idrogeologico. Ecco la sua dichiarazione:

“A parole sono tutti per la difesa del territorio, ma nei fatti poi non arrivano i fondi necessari. La Regione Emilia-Romagna, infatti, ha ricevuto appena 21 dei 102 milioni di euro necessari a completare il Piano per la prevenzione del rischio idrogeologico e la messa insicurezza del territorio. Nel Piano si prevedono ben 89 interventi che riguardano tutto il territorio regionale, tutte opere già cantierabili entro l’anno. 102 milioni è la quota che il Ministero dell’Ambiente ha destinato alla nostra Regione: peccato che ne siano arrivati solo 21 di milioni, cifra sufficiente a coprire solo i primi 18 interventi. Il presidente della Regione Bonaccini ha giustamente chiesto al Governo di rispettare gli impegni presi. Tra l’altro, la Regione, fin dall’autunno scorso, aveva suggerito che, nel caso di necessità, si intraprendesse la strada dei mutui Bei, la Banca europea degli investimenti. E in effetti il ministro Costa, nell’ultima cabina di regia, si era impegnato in tal senso. La Regione ha rispettato gli accordi ed ha predisposto in tempi rapidi la programmazione degli interventi. Ora chiede giustamente di essere messa nelle condizioni di lavorare. E’ per questo che ho presentato una specifica interrogazione al ministro Costa per chiedere quali iniziative intenda intraprendere per accedere ai mutui Bei e consentire così alla Regione Emilia-Romagna di proseguire nell’opera di messa in sicurezza dei territori e delle comunità locali”.

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *