Cispadana, consiglieri Mo e Fe “I 5stelle gettano la maschera”

Cispadana, consiglieri Mo e Fe “I 5stelle gettano la maschera”
0 commenti, 02/04/2019, da , in Dalla Regione

“Finalmente abbiamo capito che la Cispadana ai Cinquestelle non va per niente bene. Era ora che lo dicessero chiaramente agli elettori della “bassa” delle nostre province!”: così i consiglieri regionali Pd modenesi e ferraresi in risposta all’ennesima uscita dei parlamentari 5 Stelle sull’autostrada Cispadana. Ecco la loro dichiarazione:

“A fronte dell’impegno della Regione nello stanziamento di ulteriori risorse (100 milioni) come ha annunciato la Giunta riunita a Camposanto nell’anniversario del sisma 2012 cosa dobbiamo fare per ribadire la strategicità dell’opera? Sulla Cispadana erano intervenuti il deputato M5s Davide Zanichelli e i colleghi senatori Maria Laura Mantovani e Gabriele Lanzi affermando che al posto di un’autostrada sarebbe da preferirsi “una strada a scorrimento veloce. Un modo, il solito modo verrebbe da specificare, per rimandare tutto indietro di anni. Per buttare la palla in tribuna. Ripartire adesso con un diverso tracciato, un diverso progetto, rifare tutte le autorizzazioni ambientali, significa riparlare della Cispadana o di una strada analoga tra anni e anni. Invece è già tardi, per le imprese e i lavoratori, è tardi per lo sviluppo di Modena e Ferrara in primis e di tutta la Regione. L’autostrada Cispadana servirebbe ora. Serviva già da tempo. La Regione ha avuto il coraggio di fare una sua concessione autostradale regionale. C’è una società, ARC, che ha vinto la gara e che ha portato avanti la progettazione: ora le autorizzazioni ci sono tutte, i problemi di tracciato risolti, saremmo pronti per il progetto esecutivo finale. L’Emilia-Romagna ha già stanziato 180 milioni, ora ne aggiunge altri 100 (come annunciato dall’assessore Donini) per ricapitalizzare il progetto. Chiede solo che la proprietà (con Autobrennero principale attore) faccia anch’essa la sua parte. Se solo il ministro alla Infrastrutture Toninelli smettesse di complicare il rinnovo della concessione con dichiarazioni ormai celebri tipo “la Brennero deve diventare pubblica”, quando lo è già da sempre, anche l’impegno di tale società potrebbe completarsi, e si potrebbe dare il via finale al progetto. Perciò prendiamo atto che i M5S non vogliono la Cispadana, perché non fanno nulla per contribuire a sbloccare la concessione e aiutare i decisori della Brennero (che vede tra i soci anche le due province di Modena e Reggio) a cogliere questa opportunità per completare il percorso di sostegno finanziario all’attuazione del progetto. Da Roma, come sempre del resto, i M5S sanno solo dire di no e ora propongono addirittura un diverso tracciato di cui solo i nostri figli vedrebbero il termine dei lavori. Invece la Cispadana, grazie anche all’impegno finanziario della Regione e degli attori (anche privati) della Concessione, è un progetto ormai a portata di mano. Ce lo chiedono le imprese, i lavoratori, gli Enti locali della “bassa” modenese e ferrarese, oltre a tutte le principali associazioni economiche e sindacali. Crediamo che anche per loro da oggi sia chiaro chi non la vuole, e chi è rimasto invece a fare di tutto per portarla a casa, dopo tanti anni di duro impegno e lavoro per completarne l’iter e per aprire i cantieri entro la fine del 2020, come ha dichiarato nei giorni scorsi l’assessore regionale Donini. Piuttosto vorremmo sapere cosa ne pensano i leghisti di queste puerili tattiche dilatorie dei 5 Stelle. A parole si dicono campioni del fare, mentre poi nei fatti anche loro sembrano segnalarsi per la solita inconsistenza”

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *