Strappati manifesti Pd a Magreta, Medolla, Spilamberto e Modena

Strappati manifesti Pd a Magreta, Medolla, Spilamberto e Modena
0 commenti, 27/02/2018, da , in Dai Circoli, slider

In diverse zone del modenese – le ultime segnalazioni sono arrivate da Magreta di Formigine, Medolla, Spilamberto e Modena – ignoti hanno strappato i manifesti del Pd affissi negli spazi elettorali riservati al partito. In diversi casi è già stata presentata denuncia alle Forze dell’ordine.

Nel fine settimana i manifesti elettorali affissi dal Pd, nelle apposite bacheche e negli spazi ad esso riservati, sono stati oggetto di vandalismo. E’ capitato a Magreta di Formigine, a Medolla, a Spilamberto e Modena. In diversi casi è già stata presentata denuncia alle Forze dell’ordine. “Nel fine settimana – racconta Lawrence Miles, segretario del Circolo Pd di Formigine – abbiamo visto che una mano ignota ha strappato i manifesti del Pd affissi nelle bacheche di Magreta. Abbiamo già presentato regolare denuncia dell’accaduto e i nostri volontari provvederanno a breve a sostituirli. Non ci facciamo certo intimidire nè scoraggiare”. “Nella notte tra il 24 e il 25 febbraio – racconta il segretario del Pd di Medolla Alberto Calciolari – ignoti hanno strappato i manifesti affissi in viale Rimembranze, in via Genova/piazza Missere e in via San Matteo. I manifesti erano appallottolati a terra lì vicino. Li abbiamo ripristinati domenica stessa, ma come Circolo Pd deploriamo questo grave gesto di vandalismo ed esprimiamo forte preoccupazione per il significato politico sottostante”. A Spilamberto, i vandali si sono accaniti contro i simboli del Pd e il volto del candidato Claudio De Vincenti, deturpandolo. Anche in questo caso è già stata presentata denuncia. Infine, anche a Modena-città, sono stati strappati e gettati al suolo i manifesti del Pd. I volontari del Pd stanno verificando le diverse postazioni.

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *