Ponte Alto, al via mercoledì la Festa de l’Unità pensando a Ischia

Ponte Alto, al via mercoledì la Festa de l’Unità pensando a Ischia
0 commenti, 22/08/2017, da , in Segreteria, slider

Prende il via mercoledì 23 agosto, nell’area di Ponte Alto, la Festa provinciale de l’Unità modenese, con un minuto di silenzio in ricordo delle vittime del sisma che ha colpito l’Isola di Ischia. Il taglio del nastro della manifestazione è programmato per le ore 19.00 alla presenza dei vertici provinciali e regionali del partito, insieme ai rappresentanti degli Enti locali, a cominciare dal presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. A seguire si terrà l’inaugurazione della mostra “Dall’informazione negata all’informazione annegata 2017”. La sera, alla Sala Europa, sarà possibile rivivere le atmosfere del Modena Park grazie ai fotografi dell’associazione “Ac Factory scuola di fotografia”. Ad aprire il cartellone degli spettacoli saranno “I musicanti di San Crispino”, mentre alle ore 23.00 è in programma il tradizionale spettacolo di fuochi artificiali e musica sul lago. Tutte le attività sono a ingresso gratuito.

Taglio del nastro per l’edizione 2017 della Festa provinciale de l’Unità modenese, ospitata nell’area di Ponte Alto.
L’inaugurazione è fissata per ore 19.00 di mercoledì 23 agosto, all’ingresso della Festa Porta Freto, con i saluti del segretario provinciale del Pd Lucia Bursi e del segretario regionale del Pd Paolo Calvano. “Apriremo questa edizione della Festa provinciale con un minuto di silenzio in memoria delle vittime del sisma che ha colpito l’isola di Ischia – annuncia Lucia Bursi – La nostra terra sta lavorando con determinazione alla ricostruzione dopo il sisma del 2012 e il nostro pensiero non può non andare sia a chi ha vissuto il drammatico terremoto del Centro Italia, di cui giovedì ricorre il primo anniversario, e ora a questo nuovo sisma campano. Lo slogan scelto per la Festa è “L’Italia in testa” che, proprio partendo dalla fragilità e dalla sismicità del nostro territorio, significa anche massimo impegno e investimenti per le politiche di prevenzione e salvaguardia. Più in generale – conclude Lucia Bursi – anche dopo gli ultimi attacchi terroristici, si rafforza il valore e il significato delle Feste: sono occasione di incontro e di crescita insieme. Solo così possiamo rafforzarci rispetto alle minacce”. All’inaugurazione della Festa interverranno il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, la vicepresidente della Provincia Maria Costi, l’assessore del Comune di Modena Giulio Guerzoni. Saranno presenti il responsabile delle Feste della Segreteria provinciale del Pd Marcello Mandrioli, il responsabile dell’allestimento della Festa di Ponte Alto Eudes Canali, il responsabile Organizzazione della Segreteria provinciale dei Gd Federico Pattacini, Maurizia Bonora, componente dell’Esecutivo della Conferenza provinciale delle Democratiche e il segretario cittadino del Pd Andrea Bortolamasi. A seguire, è in calendario l’inaugurazione della mostra “Dall’informazione negata all’informazione annegata 2017”: insieme a Lucia Bursi e Stefano Bonaccini, interverranno il presidente della Fondazione Modena 2007 Nerino Gallerani e l’ideatore del progetto espositivo Fausto Ferri.
Il primo incontro del calendario della Festa provinciale de l’Unità sarà ospitato alla Sala Europa, a partire dalle ore 21.30: l’associazione “Ac Factory Scuola di fotografia” presenta la video installazione dal titolo “Nei giorni del Modena Park… la gente di Vasco”. Sarà possibile vedere più di 6mila scatti realizzati da 12 differenti fotografi che fanno riferimento all’associazione. E’ il racconto di Modena nei giorni del grande concerto di Vasco Rossi al Parco Ferrari, le atmosfere, i volti delle persone, l’attesa fuori dai cancelli, le strade della città invase da una folla sorridente e festosa. Presenteranno il progetto il presidente dell’associazione Andrea Gualdi, che ne è anche l’ideatore, e il fotografo Paolo Gualdi, a cui è stata affidata la direzione artistica. Saranno presenti anche i fotografi del collettivo “Ac Factory”.
Ad aprire il cartellone degli spettacoli saranno “I musicanti di San Crispino”, una formazione di una quindicina di strumentisti, nata in terra di Romagna nel 2000, specializzatasi in musiche folcloristiche, cori, riletture di brani arcinoti, sempre avendo come ispirazione le band balcaniche. I musicanti sono essenzialmente “itineranti”, come dimostra la dedica nel nome a San Crispino, patrono dei calzolai e delle suole necessarie a chi fa musica camminando e danzando. Gli strumenti dominanti sono gli ottoni, le percussioni, i legni e la chitarra. Li hanno definiti la band più divertente e strampalata che, comunque, ha al suo attivo già due album “Zibaldone musicale” e “Musicanti e caterpillar”. Si esibiranno nell’area della Festa, a partire dalle ore 21.30. A seguire, alle ore 23.00, il tradizionale spettacolo piro-musicale, con i fuochi d’artificio che danzano a ritmo di musica sul lago dell’omonima Arena.
Inaugura anche la programmazione dello spazio Hangar3, terminal artistico modenese, con la performance “Si parte!” (ore 21.30). Anche lo spazio dedicato alle musiche latino-americane “El Baile” ha in programma una Festa di apertura, a partire dalle ore 22.00, con animazioni e ballerini del Circolo Florida Staff. La Festa è anche area gioco, sport e divertimento per bambini e adolescenti a cura di Csi, Staff Oplà, Uisp e Burattini della Commedia. All’Arena sportiva è stato installato “Albering in città”, percorso d’avventura pensato per bambini dai 6 anni in su, coordinato da Csi Modena in collaborazione con il parco avventura Esploraria. Infine per il divertimento dei più adulti, invece, allo Spazio Club Treemme “Giocare fa bene!”, giochi di società per tutte le età.

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *