Bonini “Il Pd garante dell’Unione del Distretto ceramico”

Bonini “Il Pd garante dell’Unione del Distretto ceramico”
0 commenti, 19/12/2014, da , in Dai Circoli

Si è tenuta, lo scorso 17 dicembre, una seduta del Consiglio dell’Unione ceramica: all’ordine del giorno tanti punti importanti per il territorio, una proposta per la gestione congiunta di alcuni servizi ai cittadini e l’approvazione del bilancio. Il Pd ha permesso di raggiungere il numero legale per lo svolgimento dell’incontro.

«Nonostante l’atteggiamento irresponsabile del gruppo M5S, che esce dall’aula nel tentativo di far mancare il numero legale, il Consiglio dell’Unione ha approvato convenzioni e bilancio preventivo – spiega Giorgio Bonini, capogruppo Pd nel Consiglio dell’Unione – garantendo il funzionamento dell’Unione del Distretto Ceramico. 8 Comuni per oltre 120.000 abitanti si vedono così garantiti servizi essenziali per le famiglie, le imprese e il territorio, senza aggiungere costi e ottimizzando le risorse». Il Consiglio dell’Unione del 17 dicembre ha visto nuovamente il Pd essere unica forza responsabile per garantire il numero legale per lo svolgimento dei lavori e permettere l’approvazione di atti fondamentali per il funzionamento dell’Unione del Distretto ceramico.
All’ordine del giorno le convenzioni sulle funzioni dell’Unione (Servizi sociali, Suap, Protezione civile, Sia) e il bilancio preventivo. Atti fondamentali che dovevano essere approvati entro il 31 dicembre per non arrivare alla paralisi dell’Unione stessa. In particolare, si trattava del trasferimento dei Servizi Sociali, la parte più importante dei servizi ai cittadini (minori, anziani, disabili, famiglie) e delle risorse relative, che dal 2015 saranno tutte in Unione. Il Consiglio ha stabilito che i servizi rimarranno vicini ai cittadini nei singoli Comuni, mentre le funzioni di coordinamento e programmazione verranno accentrate. Con l’approvazione del bilancio preventivo si è stabilito di non aumentare le spese a fronte degli stessi servizi. La gestione dei servizi attraverso l’Unione, il nostro distretto potrà godere di maggiori trasferimenti di risorse dalla Regione, cosa che singolarmente i Comuni non avrebbero ottenuto. Un bilancio che prevede anche una riorganizzazione del personale: per i Servizio sociali avremo un unico dirigente per tutto il distretto, per il Suap (Sportello unico attività produttive) è prevista una riduzione di personale – questo andrà anche a vantaggio dei singoli Comuni che potranno ricollocare il personale in modo ottimale, senza incrementare le spese. «Consideriamo l’approvazione del bilancio preventivo dell’Unione un atto politico di grande responsabilità, poiché mette al centro dell’azione di governo locale i servizi sociali per rispondere meglio ai bisogni delle famiglie ed averlo approvato prima della fine dell’anno è un chiaro segnale verso i Comuni aderenti i quali, non potendo approvare il proprio bilancio entro fine anno, hanno comunque un punto di riferimento chiaro che va nella direzione di favorire i cittadini e le cittadine del nostro territorio – conclude Bonini – A fronte di tutto questo, ancora una volta, abbiamo dovuto assistere al tentativo del gruppo M5S di far venire meno il numero legale per impedire l’approvazione di questi atti fondamentali. Il Pd è rispettoso di tutte le opinioni, anzi sottolinea l’atteggiamento responsabile dell’esponente della lista civica che è rimasto in aula, ma non accetta illazioni o presunzioni di illegittimità come metodo di discussione politica. Noi siamo rispettosi delle prerogative dei consiglieri, sia di maggioranza che di opposizione, ma gli stessi, tutti, devono avere eguale rispetto per le istituzioni che rappresentano».

(Fonte fotografia: distrettoceramico.mo.it)

Informazioni Redazione

Redazione
La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *