Al via dal 29 aprile la Festa dell’Unità della città di Modena

Al via dal 29 aprile la Festa dell’Unità della città di Modena
0 commenti, 26/04/2022, da , in Modena, slider

Torna a Ponte Alto la Festa dell’Unità cittadina con incontri politici, spettacoli e il ristorante. Inaugurazione prevista il 29 aprile alle 18.30 con la segretaria cittadina Federica Venturelli, il segretario provinciale Roberto Solomita, il responsabile Feste città di Modena Stefano Manicardi e il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli.

Venerdì inizia a Ponte Alto la Festa dell’Unità della città di Modena che proseguirà, tutti i venerdì, sabati e domeniche fino al 5 giugno. All’inaugurazione, prevista venerdì 29 aprile alle 18.30 saranno presenti la segretaria cittadina Federica Venturelli, il segretario provinciale Roberto Solomita, il responsabile Feste città di Modena Stefano Manicardi e il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli insieme ai consiglieri comunali e ai parlamentari locali. Gli appuntamenti politici proseguono poi venerdì 6 maggio quando il gruppo di lavoro Pd Modena sull’innovazione digitale dialogherà con il direttore di Domani Stefano Feltri nell’incontro ‘Tecnologia, dati, informazioni: la guerra nella guerra’.

Sabato 7 maggio il deputato Pd Emanuele Fiano presenta il suo libro ‘Ebreo’; mentre venerdì 13 maggio sarà proiettato il film ‘Il mostro di Modena’, un’occasione per dialogare insieme alla responsabile Politiche di genere e delle famiglie Pd città di Modena Patrizia Belloi, e altri ospiti, riguardo le morti di tante donne senza nome.

Nel format delle Agorà democratiche si svolgerà l’incontro del 14 maggio: ‘Morti e infortuni sul lavoro, emergenza italiana’.

Il presidente della Regione Stefano Bonaccini sarà alla Festa venerdì 20 maggio, per un’intervista sui temi trattati nel suo libro ‘Il Paese che vogliamo. Idee e proposte per l’Italia del futuro’.

Delle sfide che ci aspettano dopo la pandemia si parlerà sabato 21 e venerdì 27 maggio durante i dibattiti ‘Cultura e lavoro. Sfide e prospettive del post pandemia’ e ‘Il sistema salute tra Covid e Pnrr: i nuovi servizi per Modena’. Infine, venerdì 3 giugno, il Dem Gianni Cuperlo presenta il suo libro ‘Rinascimento europeo. Il libro dell’Europa che siamo stati, che siamo e dobbiamo diventare’.

È poi in programma un ricco cartellone di spettacoli tutti gratuiti: il 29 aprile e il 3 giugno il gruppo folkloristico di Zocca Insieme per Caso presenta uno spettacolo di varietà. Spazio al liscio il 6 maggio e il 4 giugno con Rossana Group, il 13 maggio con I Gigolò e il 27 maggio con I Giramondo.

Sul fronte concerti si inizia il 30 aprile con la band Quelli del lunedì, il 7 maggio rock anni ’70 e ’80 con i The Kermits e il 28 maggio blues e jazz con il complesso 44 Blues Emiliano.

Due spettacoli di cabaret dialettale sono in programma il 14 maggio (Do ridudi, na canteda e tanta voia d’alegria!) e il 21 maggio con lo show di Andrea Ferrari ‘Non si è più sicuri di niente’.

Il 20 maggio Level 059 Dance Accademy presenta ‘It’s Rock & Boogie time’: live on stage Perry boogie & lady Martini in consolle dj Serjei.

Il ristorante è aperto venerdì e sabato a cena e domenica a pranzo, con possibilità di asporto, più giovedì 6 giugno, quando alle 12.00 si festeggerà la Festa della Repubblica con un pranzo. Il menù presenta piatti di pesce e tradizionali anche vegetariani, per prenotazioni contattare i numeri 059 582811 – 059 899873 – 338 4552366.

“Le feste dell’Unità sono prima di tutto una scuola di politica e militanza – afferma la segretaria cittadina Federica Venturelli -. Ai nostri volontari, senza i quali non esisterebbero le nostre feste, che rinunciano al loro tempo libero per aiutare a montare uno stand, cucinare, servire ai tavoli va il nostro grazie e la nostra riconoscenza. Le feste devono continuare a coinvolgere, appassionare e divertire. Nella nostra città sono state non solo un modo per finanziare dal basso l’attività del partito, ma anche una grande occasione per dibattere, fare comunità e creare socialità.

La transizione ecologica, la lotta alle disuguaglianze, un sistema educativo e formativo di qualità, un welfare universalistico e una sanità pubblica universale sempre più vicina ai cittadini: queste sono le sfide principali con le quali dovremo confrontarci dopo due anni di pandemia. Noi siamo pronti a coglierle, insieme ad un’alleanza larga e alternativa alla destra sovranista,  in un centrosinistra largo e organizzato che vede nel Pd il suo naturale architrave. Le sfide che ci attendono nel futuro sono tante e le vinceremo solo se le affronteremo insieme”.

“Ogni giorno la festa vedrà la partecipazione di oltre 60 volontari e volontarie a cui va il nostro ringraziamento: senza di loro questo evento aperto a tutti i modenesi non sarebbe possibile – aggiunge il responsabile Feste cittadine Stefano Manicardi -. L’organizzazione anche per il 2022 deve tener conto della pandemia in cui stiamo vivendo, mantenendo tutte le misure, imposte dalla legge e non solo, necessarie a tutelare la salute di avventori e volontari”.

All’interno della Festa saranno rispettate le regole anticovid secondo la normativa vigente. Il programma completo è consultabile sui canali social della Festa e sul sito www.pdmodena.it.

Informazioni Redazione

Redazione
La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *