Mirandolexit, Pd “Finale si candidi a guidare la nuova Unione”

Mirandolexit, Pd “Finale si candidi a guidare la nuova Unione”
0 commenti, 17/01/2021, da , in Dai Circoli

I Circoli Pd di Finale Emilia e Massa Finalese invitano l’Amministrazione comunale di Finale Emilia ad assumere un nuovo ruolo come Comune capofila della nuova Unione a 8 in seguito alla decisione del Comune di Mirandola di uscire dall’Unione dei Comuni dell’Area Nord. Ecco la loro nota:

La crisi aperta in Ucman dalla fuoriuscita decisa dalla attuale Amministrazione mirandolese mette in difficoltà la Bassa modenese, la nostra terra. Problemi che ci obbligano a cambiare, a investire nelle nuove opportunità. Finale Emilia fino ad oggi non ha svolto fino in fondo la funzione che poteva svolgere all’interno dell’Unione dei Comuni.
Nonostante ciò, ora i dati ci dicono che sono indubbi i risultati ottenuti dall’Unione a favore dei comuni e dei cittadini. Finale compresa. Da ultimo l’ottimo risultato del servizio tributi sulla riscossione della lotta all’evasione. Per non parlare della Fondazione Scuola di Musica e della Banda Rulli Frulli, due veri gioielli della bassa dove dentro c’è tanta finalesità. Mirandolexit e la discussione sul futuro dell’Unione offrono al Comune di Finale Emilia un’importante occasione. Senza Mirandola, Finale è il comune più grande e popoloso della futura Unione. L’opportunità sta nell’abbandonare dubbi, ritrosie e timori decidendo finalmente di prendere per mano un territorio, ponendosi con convinzione come comune capofila della nuova unione a 8. Questa scelta aiuterebbe anche a superare le tante difficoltà amministrative, a partire dalla carenza di personale. Queste sono scelte in primis politiche, e va ribadito in particolare rispetto al tema dell’incarico ad un consulente per Finale. I tecnici sicuramente sono di supporto e forniscono dati importanti per poter effettuare le scelte giuste, ma è importante ribadire che è la politica che deve indicare la strada da percorrere e con quali obiettivi. Delegare tutto ai tecnici vuol dire semplicemente cercare delle scuse per nascondere la carenza di progetti e idee. Essere i promotori di una nuova Unione significa per Finale e per i suoi cittadini non continuare a piangersi addosso, ma tentare e cercare un rilancio di questa comunità e di tutta la bassa. Provando a rappresentare in modo unitario gli interessi del territorio con Provincia, Regione e Governo.

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *