Migrazione, Fasano “Bene accordo maggioranza verso ius culturae”

Migrazione, Fasano “Bene accordo maggioranza verso ius culturae”
0 commenti, 27/11/2020, da , in Modena, slider

Il vice-ministro dell’Interno Mauri, collegato con Modena e il Festival della Migrazione, ha annunciato che c’è un accordo in maggioranza per una nuova legge sulla cittadinanza. La soddisfazione del vice-segretario vicario del Pd cittadino e consigliere comunale Tommaso Fasano:

“Da anni il Festival della Migrazione fornisce alla città di Modena l’opportunità di confrontarsi con esperti di grande prestigio in una discussione di livello internazionale. Nel corso della prima giornata dei lavori, il vice-ministro dell’Interno Matteo Mauri, collegato da Roma, ha utilizzato questo palcoscenico per dare un annuncio da tempo atteso nel nostro territorio. C’è l’accordo in maggioranza per una nuova legge che introduca finalmente lo ius culturae e ci porti a superare la Bossi-Fini e i tanti danni che, in questi anni, ha creato a cominciare da quelle seconde generazioni che vivono in un limbo, italiani di fatto, ma non di diritto. Il Pd modenese è impegnato su questo fronte da anni, a cominciare dall’ormai famosa campagna “L’Italia sono anch’io”. Riteniamo che sia il momento di procedere su questa strada, senza i tentennamenti che pure ci sono stati in passato. Anche per aver potuto avere in anteprima questa notizia, dobbiamo ringraziare gli organizzatori del Festival che sono riusciti a garantire che anche quest’anno, nelle condizioni di emergenza in cui ci troviamo, la comunità modenese abbia la possibilità di partecipare al Festival, seppur in maniera virtuale. Buon lavoro a tutti i partecipanti, nella speranza che la prossima edizione del Festival possa essere più tradizionale, almeno dal punto di vista della partecipazione del pubblico, e di poter discutere dei segni tangibili dei provvedimenti oggi promessi.”

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *