Economia, Patriarca “Istat e Visco impietosi sulle misure gialloverdi”

Economia, Patriarca “Istat e Visco impietosi sulle misure gialloverdi”
0 commenti, 31/05/2019, da , in Dai parlamentari

“Questo cianciare di tassa piatta, sospensione del codice degli appalti e condoni non è che la solita cagnara volta a negare una politica economica e sociale sempre più fallimentare”: duro il giudizio del senatore modenese Edoardo Patriarca, capogruppo Pd in Commissione Lavoro, sulle politiche economiche di questo governo dopo la diffusione dei dati Istat e la relazione del governatore di Bankitalia Visco. Ecco la sua dichiarazione:

“Doveva essere “un anno bellissimo”, si sta rivelando una debacle per il Paese che, purtroppo, pagheranno famiglie e imprese. I dati diffusi oggi dall’Istat ci consegnano un Pil tendenziale, nel primo trimestre del 2019, di nuovo negativo (-0,1%) come non accadeva dal quarto trimestre del 2013. Nel contempo, il governatore della Banca d’Italia Visco certifica quello che, inutilmente, abbiamo a più riprese denunciato, in ogni sede istituzionale, in autunno: il tanto celebrato (dai gialloverdi) decreto Dignità ha introdotto tali e tanti vincoli che “insieme al peggioramento del quadro congiunturale contribuiscono a ridurre la probabilità di rimanere occupati allo scadere di un contratto a termine”. Le misure volute da Lega e 5stelle stanno affondando il Paese: non solo non c’è il rilancio dei consumi, come ci avevano promesso, ma l’occupazione, soprattutto dei più giovani, è sempre più a rischio e l’impennata dello spread farà aumentare il costo dei mutui e dei prestiti. Questo cianciare di tassa piatta, sospensione del codice degli appalti e condoni non è che la solita cagnara volta a negare una politica economica e sociale sempre più fallimentare. Effettivamente saranno “prima gli italiani” a dover pagare di tasca propria questa follia”.

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *