Mirandola, Gozzi “Il centro destra in confusione nella Bassa”

Mirandola, Gozzi “Il centro destra in confusione nella Bassa”
0 commenti, 12/03/2019, da , in Dai Circoli, slider

“A Mirandola abbiamo visto comparire e scomparire il candidato sindaco più veloce della storia: il centro destra è in confusione nella Bassa modenese”: è il commento del segretario del Pd di Mirandola Andrea Gozzi su quanto sta accadendo sul fronte opposto. Ecco la sua dichiarazione:

“La Bassa merita” è lo slogan scelto dal coordinamento dei segretari del Partito democratico della Bassa Modenese. La Bassa merita rispetto, serietà e impegno, aggiungo io. Sono territori e comunità che hanno affrontato anni difficilissimi e i nostri amministratori hanno mantenuto alto il valore delle istituzioni. Hanno ridato orgoglio all’Italia nell’affrontare l’emergenza e la ricostruzione. La Lega e il suo commissario on. Golinelli hanno avuto mesi e anni per costruire un’offerta politica alternativa, ma hanno commesso un grave errore che dovrebbero spiegare bene alle comunità. Per candidarsi a guidare territori che sono tornati produttivi più di prima e che devono completare la ricostruzione non basta essere supporters del capitano. Non basta condividere su Facebook i video di Salvini. Bisogna essere capaci di gestire problemi complessi, di discutere con le tante rappresentanze e i cittadini per migliorare i servizi alle nostre comunità. Bisogna continuare a chiedere con forza tutte le infrastrutture necessarie ai poli produttivi, indispensabili come ci dicono imprese e sindacati dei lavoratori. E l’on. Golinelli, in questo frangente, non può cavarsela con due righe sui social. Le comunità della Bassa meritano spiegazioni, cos’è successo nel centro destra? Altrimenti l’unica cosa evidente è che c’è una forte incapacità nel saper organizzare che, potenzialmente, può nuocere a un territorio che ha bisogno di correre!”.

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *