Tav, Fassino “Basta con i rinvii. E’ tempo di decidere”

Tav, Fassino “Basta con i rinvii. E’ tempo di decidere”
0 commenti, 11/01/2019, da , in Dai parlamentari

“Non si può governare un Paese con un approccio ideologico e pregiudiziale a opere e infrastrutture che da sempre sono un traino di sviluppo e di lavoro. Né si può governare ignorando la volontà dei cittadini”: il deputato Pd Piero Fassino, eletto nel collegio proporzionale Modena-Ferrara, interviene sul progetto di Alta velocità ferroviaria tra Torino e Lione. Ecco la sua dichiarazione:

”L’estenuante balletto con cui 5stelle obbliga da mesi il Governo a rinviare le decisioni sulla TAV non è più tollerabile. Si continua a invocare una verifica costi-benefici come fosse un “giudizio divino”, facendo finta di ignorare che di verifiche ne sono state fatte ben 7 tutte confermando l’utilità dell’opera. Così come si fa finta di ignorare che l’opera è avviata, con un progetto esecutivo nuovo che risolve molte delle obiezioni iniziali e con un impegno finanziario europeo e francese più volte ribadito. Non si può governare un Paese con un approccio ideologico e pregiudiziale a opere e infrastrutture che da sempre sono un traino di sviluppo e di lavoro. Né si può governare ignorando la volontà dei cittadini. La grande manifestazione Si Tav di novembre, la riunione di dicembre degli stati generali delle associazioni economiche, la mobilitazione di domani dei sindaci sono l’espressione di una volontà che nessun governo può ignorare. Così come non può essere il pregiudizio di una sola forza politica a bloccare un investimento che ha il consenso di un arco parlamentare largo e maggioritario che coinvolge non solo l’opposizione, ma anche la Lega. È tempo di decidere e di farlo rispettando l’interesse del Paese e la volontà dei cittadini”.

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *