Sicurezza, Carpentieri “Più uomini e una Questura di fascia A”

Sicurezza, Carpentieri “Più uomini e una Questura di fascia A”
0 commenti, 04/10/2018, da , in Modena

Il consigliere comunale Pd e responsabile Sicurezza nella Segreteria cittadina Pd Antonio Carpentieri ha presentato una nuova interrogazione per chiedere l’aumento degli organici delle forze dell’ordine presenti in città, la reintroduzione del poliziotto di quartiere e l’elevazione della Questura di Modena alla fascia A.

Adeguamento degli organici delle forze dell’ordine, anche nell’ipotesi di una possibile apertura del Cpr, reintroduzione del poliziotto di quartiere, innalzamento della Questura di Modena dalla fascia B alla fascia A: il consigliere comunale e responsabile Sicurezza nella Segreteria cittadina del Pd modenese Antonio Carpentieri ha presentato una nuova interrogazione in Consiglio comunale in cui chiede all’Amministrazione comunale di attivarsi presso Ministero dell’Interno, Prefettura e Questura affinché Modena possa concretamente contare su più uomini delle forze dell’ordine per far fronte alle necessità di un territorio in continua evoluzione. “Mentre ancora stiamo aspettando che il ministro dell’Economia firmi un, più volte, annunciato decreto di sblocco di assunzioni nel settore – spiega Antonio Carpentieri – è arrivato l’ennesimo annuncio, con il Def, di un piano straordinario di 10mila assunzioni nelle forze dell’ordine. Auspichiamo che, almeno questa volta, si passi dagli annunci di campagna elettorale ai fatti. La nostra città, visto anche che continuano le voci su una possibile apertura di un Cpr, ha necessità di poter contare su nuovi arrivi. Siamo già sotto di alcune decine di uomini rispetto alla pianta organica che, però, risale al 1989, un’altra epoca quanto a fenomeni di micro e macro criminalità. Occorre intervenire al più presto”. Il solo Cpr, se l’ipotesi dovesse trovare conferma, esigerebbe l’impiego di diverse decine di poliziotti e carabinieri: “A questi si aggiungerebbero – spiega Carpentieri – le altre forze della città che verrebbero utilizzate per i servizi “esterni” per i trattenuti come il trasporto, le emergenze e i ricoveri ospedalieri. Come Pd abbiamo più volte ribadito che non si può pensare di distogliere forze dalle strade della città per ammassarle al Cpr. Perché quelle forze già mancano e, invece, sono necessarie. Occorre ripristinare, ad esempio, la figura del poliziotto o carabiniere di quartiere che, in passato, aveva ottenuto buoni risultati. E anche l’idea, avanzata dal neo-nato coordinamento di associazioni promosso dal Siulp e dalla Cisl, di elevare la Questura di Modena in fascia A è senz’altro da appoggiare. Cresce il senso di insicurezza dei cittadini – conclude Carpentieri – soprattutto in un momento incerto come l’attuale: lo Stato deve dare risposte concrete”.

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *