Mirandola, Pd “Sicurezza, la Lega pensi a inviare uomini e risorse”

Mirandola, Pd “Sicurezza, la Lega pensi a inviare uomini e risorse”
0 commenti, 21/08/2018, da , in Dai Circoli

Il responsabile Sicurezza nella Segreteria del Circolo comunale del Pd di Mirandola Massimiliano Furgeri si rivolge direttamente al ministro dell’Interno Salvini per chiedere l’aumento dell’organico del locale Commissariato e le risorse necessarie per completare le nuove sedi di Polizia e Carabinieri. Ecco la sua nota:

“Il nostro Paese non ha bisogno di fanfaronate televisive, ma di una Repubblica che dia sicurezza ai cittadini e nello stesso tempo garantisca uno Stato di diritto che riconosca i fondamentali valori di umanità. Il tema della sicurezza è dirimente per i nostri concittadini e per garantirla occorrono uomini e risorse adeguati. I Governi di centrosinistra risultati, anche se non sufficienti, li hanno comunque conseguiti: è lo stesso Ministero dell’Interno che certifica che dal 1° agosto 2017 al 31 luglio 2018 i reati in Italia sono calati. Prima e durante la campagna elettorale Salvini diceva che il calo dei reati era una grande balla e che bastava uscire di casa per vedere nelle nostre città, nei nostri comuni situazioni da Bronx, ora che è al Governo il tema è scomparso dai radar. E tutti i seguaci della Lega e dintorni ad applaudire! Se i dati del Viminale, che partono da agosto 2017 erano falsi prima del 5 marzo sono falsi anche adesso, se i dati erano veri prima del 5 marzo questo buon risultato dipende poco o niente da questo Governo da poche settimane in carica. Il tema però è troppo importante per lasciarlo alla propaganda, occorrono fatti: si twitti di meno e si lavori di più, caro ministro, per dare gli agenti che servono al Commissariato di Mirandola, per avere i fondi del Ministero che servono a completare la nuova sede della Polizia e la caserma dei Carabinieri a Mirandola”.

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *