Patto di stabilità regionale, sbloccate risorse per 10,7 milioni

Patto di stabilità regionale, sbloccate risorse per 10,7 milioni
0 commenti, 02/11/2013, da , in Dalla Regione, slider

“Nell’ambito del Patto di stabilità regionale sono state sbloccate risorse per 99 milioni di euro in tutta l’Emilia-Romagna, oltre 10,7 milioni di euro arriveranno ai Comuni della provincia di Modena”: lo annunciano i consiglieri regionali modenesi del Pd Luciana Serri, Luciano Vecchi e Stefano Bonaccini.

“Si tratta di risorse che, sommate alla prima tranche della scorsa primavera pari a 158 milioni di euro, fan sì che nel 2013 ammontino a 257 i milioni di euro che complessivamente Comuni e Province della Regione Emilia-Romagna potranno usare per pagare fornitori e investimenti: risorse che gli Enti hanno in cassa ma che, senza l’intervento della Regione, non potrebbero essere utilizzati perché vincolati dalle norme statali in materia di patto di stabilità”. A darne notizia, sono i consiglieri regionali modenesi del Pd Luciana Serri, Luciano Vecchi e Stefano Bonaccini. Applicando le regole previste dalla legge regionale sul patto di stabilità territoriale del dicembre 2010 la Regione Emilia-Romagna ha sbloccato nel triennio 2011-2013 oltre 557 milioni di euro di capacità di spesa per Comuni e Province in difficoltà. “Il nostro impegno – continuano i consiglieri – è, ancora una volta, a favore della ripresa economica, della creazione di nuovi posti di lavoro e della difesa dell’occupazione esistente, consapevoli che sono questi i temi fondamentali per ridare a tutti i cittadini un presente dignitoso e su cui concentrare l’attenzione di tutti”. Saranno 19 gli Enti del territorio modenese, tra Comuni e Provincia, a beneficiare di oltre 10,7 milioni che permetterà loro di liquidare le imprese creditrici con la Pubblica amministrazione.

photo credit: Iguana Jo via photopin cc

Informazioni Redazione

La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *