Programma F35, Vecchi “Rivedere la partecipazione italiana”

Programma F35, Vecchi “Rivedere la partecipazione italiana”
1 commento, 24/09/2013, da , in Comunicati

Rivedere la partecipazione italiana al progetto F35, destinando le ricorse così risparmiate al rilancio e allo sviluppo del Paese: è quanto, in sintesi, chiede al Governo italiano la risoluzione approvata oggi dall’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, che vede fra i promotori il consigliere modenese del Pd Luciano Vecchi.

L’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ha approvato oggi una risoluzione – promossa dai Gruppi assembleari della maggioranza di centro sinistra – con la quale si chiede al Governo italiano di “rivedere la partecipazione italiana al progetto F35 e la conseguente decisione di acquistare i suddetti velivoli, destinando le risorse così risparmiate al rilancio e allo sviluppo del Paese.”  Così ha affermato, intervenendo nel dibattito in Aula il consigliere modenese del Pd Luciano Vecchi,  tra i promotori della risoluzione. “Si tratta di un atto politico significativo in sintonia con il sentire dell’opinione pubblica e con le reali esigenze del Paese. La nostra richiesta – ha sottolineato Vecchi – è quella di subordinare le scelte relative alla difesa ad una nuova concezione che faccia dell’integrazione europea, della sobrietà, della trasparenza e della coerenza i suoi assi portanti. Rivedere e ridurre la spesa militare complessiva del Paese, definendo una moderna politica di sicurezza in ambito europeo è oggi – ha concluso l’esponente democratico – un esigenza imprescindibile, oggi ribadita con un voto unanime dall’Assemblea legislativa della nostra Regione”.

(fonte fotografia: wikipedia)

Informazioni Redazione

Redazione
La redazione di PdMoMag è composta dai giornalisti dell'Ufficio Stampa del Pd provinciale di Modena. Responsabile: Roberta Vandini.

Un commento

  1. marzo 1st, 2014 17:35

    Il vero problema sono i soldi spesi per generali e colonneli. La gran parte del bilancio della difesa serve per pagare gli stipendi mentre solo una piccola parte viene spesa per l’aggiornamento degli armamenti.
    Sara

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *